ORDINE IN AULA! DISORDINE COSMICO VS ORDINE CELLULARE

Siete talmente disordinati da provare conati di vomito solo all’idea di abitare in una casetta a schiera?

Vorreste calpestare le formiche che vedete camminare a terra solo per disturbare il loro maniacale procedere in fila indiana?

Noi di Express Chemistry, non solo rispettiamo le vostre fobie, ma cercheremo di confutarle a colpi di postulati scientifici.

Iniziamo dunque la seduta scientifica.

Ludwig Boltzmann (1844-1906) illustre matematico austriaco, mise in relazione l’entropia e il “caos” (più correttamente detto “probabilità di stato”).

La funzione termodinamica chiamata entropia è una misura del “disordine” di un sistema.

La seconda legge termodinamica stabilisce che, in un processo spontaneo, la somma dell’entropia del sistema e quella dell’ambiente circostante (l’entropia dell’universo) aumenti sempre.

In linea generale, tutti i sistemi in natura tendono ad evolvere da uno stato a minore entropia ad uno a maggiore entropia e quindi ad aumentare il proprio “disordine”.

Esempio di ciò sono l’evaporazione dell’acqua o la dissoluzione di cloruro di sodio (NaCl) in acqua.

Ciò nonostante è anche osservabile la struttura altamente organizzata che costruisce i sistemi complessi della vita, come ad esempio cellule, tessuti, o solidi cristallini.

Tutto ciò comporta il consumo di energia per creare localmente l’ordine necessario (calo di entropia).


Perché quindi si dovrebbe spendere Energia per rendere un sistema “ordinato” cioè portarlo allo stato meno probabile?

La risposta sta nella così detta “teoria dell’informazione” di Claude Schannon: ad un “aumento dell’ordine” (abbassamento di entropia) corrisponde un aumento di informazione associato al sistema stesso.

Tutto ciò per dire che se volete con più probabilità ritrovare dove avete lasciato la pochette di Louis Vuitton in camera vostra, conviene fare ordine!

(La mamma in incognito)


Follow Us
  • Twitter Basic Black
  • Facebook Basic Black
Recent Posts